Questo sito  fa uso di cookies per migliorare la navigazione.  Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la  privacy policy.
 
 

Nuova Istituzione

Condizioni per l’apertura di una rivendita ordinaria

Per istituire una rivendita ordinaria di tabacchi lavorati devono sussistere le seguenti condizioni minime relativamente al locale proposto:

Distanza dalla più vicina rivendita:

      • Mt. 300 nei Comuni con popolazione fino a 30.000 abitanti;
      • Mt. 250 nei Comuni con popolazione da 30.001 fino a 100.000 abitanti;
      • Mt. 200 nei Comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti.

in ogni caso, nei Comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti non è consentita l’istituzione di una nuova rivendita qualora sia stato già raggiunto il rapporto di una rivendita ogni 1.500 abitanti, salvo che la rivendita ordinaria più vicina già in esercizio risulti distante oltre 600 mt.

La misurazione della distanza intercorrente tra il locale proposto per la nuova istituzione e la rivendita più vicina deve essere effettuata seguendo il percorso pedonale più breve, nel rispetto delle disposizioni del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni (Codice della strada).

Produttività: fermo il parametro della distanza minima, non è consentita l’istituzione di una nuova rivendita quando la quarta parte della somma degli aggi realizzati dalle tre rivendite più vicine a quelle da istituire ed ognuna delle quali poste a una distanza inferiore a mt. 600 rispetto alla sede proposta per l’istituzione della nuova rivendita, non è pari o superiore a: 

  • Euro 19.965 nei Comuni con popolazione fino a 30.000 abitanti;
  • Euro 31.990 nei Comuni con popolazione da 30.001 fino a 100.000 abitanti;
  • Euro 39.825 nei Comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti.

In tutti i casi in cui la sede della rivendita da istituire disti più di 600 mt. dalla tre rivendite più vicine non trovano applicazione i parametri di distanza e produttività.

Gli importi anzidetti sono adeguati ogni due anni con provvedimento del Direttore dell’Agenzia.

Modalità per aprire una nuova Rivendita Tabacchi

Chi fosse interessato ad aprire una rivendita tabacchi deve presentare un'istanza:

  • in carta semplice da inoltrare in qualsiasi periodo dell'anno.
  • utilizzando il servizio per la trasmissione telematica disponibile per utenti in possesso di credenziali SPID.

Sulla base di tale segnalazione, il competente Ufficio Territoriale formulerà, per ogni semestre, un piano provvisorio delle istituzioni valevole per il  semestre successivo.

Tale piano sarà pubblicato sul sito istituzionale dell'ADM, ed eventuali osservazioni potranno essere formulate entro un termine di venti giorni dalla pubblicazione dello stesso.

Trascorso tale termine, il competente Ufficio Territoriale formulerà il piano definitivo anch’esso reso pubblico sul sito istituzionale.

Sulla base del piano definitivo approvato, il competente Ufficio Territoriale provvederà, per ciascuna zona ritenuta idonea per la nuova istituzione, a pubblicare l’avviso per l’assegnazione della nuova rivendita che avverrà nei seguenti modi:

  • profughi già intestata analoga licenza nei territori di provenienza;
  • invalidi di guerra, vedove di guerra e categorie equiparate.
  • Nei Comuni con popolazione non superiore ai 30.000 abitanti mediante un concorso riservato a particolari categorie di soggetti e nell’ordine:decorati al valor militare, altri profughi riconosciuti tali, mutilati ed invalidi del lavoro con riduzione della capacità lavorativa non inferiore al 40%, vedove di caduti sul lavoro.
  1. A parità di titoli, viene preferito chi ha il maggior carico famigliare ed, in caso di ulteriore parità, chi ha proposto il locale riconosciuto più idoneo a insindacabile giudizio dell’Agenzia.

  2. Nei Comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti e nei Capoluoghi di Provincia mediante asta pubblica cui possono partecipare tutti indistintamente purché possano dimostrare di aver la disponibilità di un locale ricompreso nella zona di gara.

I relativi avvisi sono resi pubblici mediante la pubblicazione sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Dogane, nonché nell’Albo pretorio del Comune dove si istituisce la nuova rivendita e presso l’albo dell’Ufficio Territoriale competente.

Qualora le suddette gare diano esito negativo, l’Agenzia può procedere all’assegnazione della rivendita a trattativa privata al miglior offerente sulla base della somma stabilita da apposita Commissione. Il relativo avviso sarà reso pubblico con le modalità più sopra descritte.

Il soggetto che risultasse assegnatario della rivendita dovrà frequentare un corso di formazione per tabaccai ai sensi dell’art. 55, comma 2 quinquies, D.L. 78/2010