Questo sito  fa uso di cookies per migliorare la navigazione.  Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la  privacy policy.
 
 

Finanziamento tabaccheria

Nel pianificare l'acquisto di una rivendita tabacchi, spesso si considera il ricorso ad un finanziamento bancario. Questo strumento è utilizzato sia da chi non è in grado di affrontare l'investimento con capitali propri, ma anche da chi preferisce mantenere i propri denari investiti in altri strumenti, che maturano redditi superiori agli interessi corrisposti alla banca finanziatrice. Queste sono considerazioni prettamente matematico-finanziarie che è bene discutere con il proprio commercialista di fiducia. Per quanto attiene la forma di finanziamento ottimale, invece, è preferibile rivolgersi ad un serio e preparato broker, in grado di proporre il finanziamento più conveniente in termini di condizioni economiche e temporali. 

I tipi di finanziamento potenziali per l'acquisto di una tabaccheria sono:

- Mutuo ipotecario di liquidità. In questo caso l'erogazione avviene se la garanzia ipotecaria è sufficiente a garantire la somma richiesta. L'immobile proposto a garanzia verrà valutato da un perito come di solito avviene per un acquisto immobiliare. Per la banca, in questo caso, è ininfluente il reddito prodotto dalla tabaccheria, in quanto in caso di insolvenza, pignorerà l'immobile posto a garanzia.

- Finanziamento aziendale. In presenza di insufficienti o nulle garanzie personali. La banca si garantisce attraverso Consorzi di Garanzia privati o Fondi di Garanzia Governativi. In questo caso è fondamentale, per i soggetti coinvolti, (banca, consorzi e fondi) valutare attentamente la bontà dell'investimento e i redditi previsti. L'iter di ottenimento della delibera è più complesso e costoso rispetto alla prima ipotesi, poichè il rischio per gli istituti eroganti è maggiore.

In ogni caso la valutazione di ricorrere ad un finanziamento deve essere ben ponderata all'interno di un businness plan.

Le domande che devi porti sono:

  • Quanta parte dell'investimento può essere finanziata con il debito, pur senza che questo appesantisca la posizione finanziaria della neonata azienda?
  • Il reddito attuale prodotto dall'azienda acquisita è in grado di ripagare il debito contratto in un tempo ragionevole con un massimo di cinque anni ?
  • Le garanzie personali sono sufficienti per ottenere un buon rating bancario, condizione essenziale per l'applicazione di interessi ragionevoli ?
  • La liquidità che si intende impiegare, è sufficiente a bilanciare il capitale a debito, in modo da equilibrare in maniera ottimale il rischio finanziario ?

Fatti coadiuvare dal tuo commercialista per trovare la giusta risposta ai quesiti precedenti e sarai già a metà dell'opera.